SCUOLA E COVID. ANIEF: Variante iper-contagiosa. A settembre chiusure se non si interviene ora

Situation of Covid-19 disease outbreak resulted in inability organize teaching learning in college. Lecture school empty classroom with desks chair iron wood when student close stay home in highschool

Intervenire ora per non tornare a chiudere le scuole a settembre. È il messaggio di Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, dopo il ritorno massiccio di contagi tra la popolazione. “I virologi ammettono che questa variante di Covid è sedici volte più rapida e contagiosa – dichiara il sindacalista autonomo durante un’intervista radiofonica a Italia Stampa -, questo significa che i vaccini servono a poco per difendersi dalla diffusione del virus, mentre continuano a servire per contrastare la malattia. A questo punto è opportuno interrogarsi su come a settembre riapriranno le scuole”.

Su questo punto, il presidente Anief è lapidario: “Il primo anno si è andati avanti con le lezioni al 50 per cento, il secondo con una vaccinazione obbligatoria e discriminatoria per il personale e per gli studenti. A questo punto – continua Pacifico -, l’unica soluzione rimane quella sempre prospettata da tempo dall’Anief: la necessità impellente di avere più classi, aule ventilate meccanicamente, maggiori spazi e organici di personale scolastico. Se non si andrà verso queste scelte, è una certezza che mantenendo le attuali condizioni le scuole a settembre riapriranno, ma rischieranno di rimanere chiuse già dal giorno dopo”.