A giugno raccolta firme per abolire reddito di cittadinanza 

«Dal 15 giugno partiamo per la raccolta di firme per l’abolizione del reddito di cittadinanza. E’ uno strumento sbagliato, va riscritto tutto. Siamo al paradosso che spendiamo un sacco di soldi ma ci sono poveri senza aiuto, disoccupati senza proposte di lavoro, aziende senza lavoratori, più lavoro nero. Ci vogliono più soldi per la lotta alla povertà, risorse direttamente alle aziende che assumono, più soldi in busta paga a chi lavora». Lo scrive Ettore Rosato di Italia Viva.