AFGHANISTAN. Talebani chiudono Università alle donne

AgenPress – È un ordine che le ragazze e le donne di tutto l’Afghanistan temevano da quando i talebani sono tornati. Mercoledì, ragazze con l’hijab si sono presentate nei campus universitari per essere bloccate e respinte dalle guardie talebane.

Il filmato mostra gruppi che piangono mentre vengono portati via. Dopo aver escluso le ragazze dalla maggior parte delle scuole secondarie negli ultimi 16 mesi, questa settimana i talebani hanno vietato anche l’istruzione universitaria per le donne.

“Hanno distrutto l’unico ponte che poteva collegarmi al mio futuro”, ha detto  uno studente dell’Università di Kabul.

“Come posso reagire? Credevo di poter studiare e cambiare il mio futuro o portare la luce nella mia vita ma l’hanno distrutta”.

Le autorità hanno emesso l’ordine martedì – e il giorno successivo anche altri luoghi di apprendimento, tra cui scuole religiose islamiche e istituti privati in diverse province, stavano eseguendo la sentenza.

Fonti di tre province – Takhar nel nord, Ghazni nel sud-est e la capitale Kabul – hanno confermato che i talebani avevano impedito alle ragazze di frequentare i centri educativi privati.

Sembra che tutte le vie dell’istruzione formale per le donne vengano chiuse.

Ha portato alcune donne a osare protestare mercoledì per le strade di Kabul, un atto pericoloso dato il record dei talebani per la detenzione di manifestanti. Le piccole manifestazioni sono state rapidamente interrotte dai funzionari talebani.

Questa generazione aveva pensato di essere quella fortunata, vedendo negata l’istruzione alle loro madri, sorelle maggiori e cugine. Invece, stanno vedendo il loro futuro sgretolarsi.

I talebani, che iniziarono come un gruppo militante islamista dalla linea dura, avevano promesso di rispettare i diritti delle donne quando sono tornati al potere nell’agosto dello scorso anno, dopo gli orrori del loro precedente governo dal 1996 al 2001, quando le donne non potevano lavorare o studiare.

Ma il loro ultimo decreto ancora una volta toglie le scarse libertà e diritti concessi alle donne dopo che le forze guidate dagli Stati Uniti si sono ritirate dall’Afghanistan e i talebani sono tornati.

Eppure, solo tre mesi fa, i talebani avevano concesso di consentire lo svolgimento degli esami di ammissione all’università.

Migliaia di ragazze e donne hanno sostenuto i test nelle province di tutto il paese. Molti avevano studiato in segreto – a casa o rischiando di avventurarsi in scuole di tutoraggio nascoste istituite per ragazze.

Il divieto dell’università ora indica una vittoria dei talebani più fondamentalisti, il cui leader supremo Hibatullah Akhundzada ritiene che l’istruzione moderna – in particolare per le donne e le ragazze – sia sbagliata negli insegnamenti islamici.

Eppure non tutti nel movimento al potere la pensano come lui – e ci sono state segnalazioni di funzionari più moderati in città come Kabul che volevano che le ragazze di età superiore ai 12 anni ricevessero un’istruzione.

Come hanno avvertito i difensori dei diritti, la decisione ha un impatto sul futuro dell’intero paese. “Nessun paese può prosperare quando metà della sua popolazione è trattenuta”, ha avvertito il segretario di Stato americano Anthony Blinken.

I paesi occidentali avevano insistito sull’istruzione delle donne come condizione che i talebani avrebbero dovuto soddisfare se volevano il riconoscimento globale. Tuttavia, finora i talebani hanno ignorato le critiche.