BONUS CULTURA 18APP. Firma QUI petizione per non cancellarlo

CLICCA E FIRMA qui

«Il Bonus Cultura per i diciottenni, la 18App, è un atto che incoraggia i ragazzi ad andare a una mostra, a un concerto, a teatro, in libreria. È un incentivo vero a distogliere gli occhi dallo schermo del cellulare e guardare oltre, guardare altro. È una misura universalmente apprezzata dagli operatori della cultura. L’ho voluta io, dopo il Bataclan. E l’ho annunciata in Campidoglio prima e alla Sorbona poi, ricordando la ricercatrice italiana Valeria Solesin uccisa dai terroristi. Francia, Germania e Spagna ci hanno copiato idea. Perché la 18App è una idea che funziona. Siccome l’ho pensata io, il Governo Meloni la vuole togliere. È stato presentato un emendamento dalle forze di maggioranza. Questo emendamento, primo firmatario Mollicone che è presidente della commissione cultura, responsabile della cultura di Fratelli d’Italia e stretto collaboratore di Giorgia Meloni, elimina la 18App. Noi ci siamo mobilitati subito annunciando un’opposizione durissima e lanciando una petizione che vi prego di firmare, qui. Qui il video in cui annuncio l’ostruzionismo in Parlamento»: lo dice Matteo Renzi, che afferma: «La maggioranza si è presa paura. E sta tornando indietro.Ma ancora il destino della 18App non è al sicuro. Perché quelli che hanno presentato l’emendamento potrebbero di nuovo tornare alla carica. Fate circolare la petizione. Lo dico ai giovani, ai più giovani, a quelli del 2004. Ma anche ai genitori, ai nonni. Quanto è bello vedere un ragazzo entrare in libreria o a teatro. O semplicemente quanto è utile la card per comprarsi anche i libri universitari, banalmente. Non buttiamo via questo straordinario strumento. Vi prego: fate girare la petizione, inviando a tutti i vostri contatti whatsapp e email questo link:  https://www.italiaviva.it/petizione_no_alla_cancellazione_18app Abbiamo bisogno di arrivare entro la settimana a quota 50.000 firme. Siamo a 30mila. Giovedì 15 dicembre alle 18.30, dal Senato, faremo una diretta Instagram e Youtube per raccontare alcune storie di ragazzi e del loro utilizzo della #18App. Una diretta di un’ora per dire perché è folle togliere ai giovani questo strumento. Noi su questa cosa non molliamo di un centimetro. Come sapete non facciamo opposizione ideologica, siamo andati anche a Palazzo Chigi con Calenda a presentare le nostre proposte per la legge di bilancio, non diciamo no a prescindere. Ma quando il Governo fa scelte assurde siamo i più tenaci a fare opposizione. Pronti persino all’ostruzionismo. Dunque: chi vuole difendere la #18App e soprattutto l’idea che questo Paese debba credere nei giovani e debba credere nella cultura faccia girare la petizione e ci venga a trovare giovedì 15 dicembre alle 18.30 qui» conclude il leader di Italia Viva.