CINA. Xi Jinping: sanzioni occidentali armano l’economia mondiale. Nato pericolosa

лªÉçÕÕƬ£¬±±¾©£¬2022Äê5ÔÂ9ÈÕ Ï°½üƽͬµÂ¹ú×ÜÀíË·¶û´Ä¾ÙÐÐÊÓƵ»áÎî 5ÔÂ9ÈÕÏÂÎ磬¹ú¼ÒÖ÷ϯϰ½üƽÔÚ±±¾©Í¬µÂ¹ú×ÜÀíË·¶û´Ä¾ÙÐÐÊÓƵ»áÎî¡£ лªÉç¼ÇÕß ÀîѧÈÊ Éã

AgenPress – «Le tragedie del passato ci dicono che l’egemonia, la politica di gruppo e lo scontro di blocco non portano pace o sicurezza; portano solo a guerre e conflitti: lo ha detto Xi Jinping tramite videolink al vertice virtuale giovedì con i leader del blocco economico BRICS di Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa, descrivendo il mondo come in un momento critico mentre lottava per riprendersi dal pandemia in mezzo a quelle che ha definito nuove “sfide per la sicurezza”.

Xi Jinping ha denunciato come le sanzioni stanno armando l’economia globale e ha esortato all’unità di fronte alle sfide finanziarie .

«La crisi ucraina è un altro campanello d’allarme per tutto il mondo. Ci ricorda che la fede cieca nella cosiddetta ‘posizione di forza’ e i tentativi di espandere le alleanze militari e cercare la propria sicurezza a spese degli altri saranno solo trovarsi in un dilemma di sicurezza» ha aggiunto Xi.

La Cina valuta “altamente pericoloso” che la Nato, «uno strumento usato dagli Usa per preservare la sua egemonia, fletta i muscoli nell’Asia-Pacifico, cercando di rompere la stabilità della regione». 

Alla luce della presenza di Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda al vertice dell’Alleanza di Madrid del 29 e 30 giugno prossimi, il portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin ha chiarito “la ferma opposizione” di Pechino «all’introduzione di blocchi militari o all’incitamento allo scontro nell’Asia-Pacifico. La Nato ha già creato il caos in Europa e dovrebbe smetterla di rovinare l’Asia-Pacifico e il mondo».

Ha anche preso di mira le sanzioni occidentali, dicendo che tali sanzioni erano un’”arma a doppio taglio” che armava l’economia globale e avrebbe “danneggiato le persone del mondo”.

Invece i paesi dovrebbero “abbracciare la solidarietà e il coordinamento”, ha affermato, promuovendo anche le nuove iniziative di sviluppo e sicurezza della Cina come modelli.