IL COVID IN CINA. Stimati 9000 morti al giorno: raddoppiati in una settimana

AgenPress – Gli Stati Uniti stanno valutando la possibilità di campionare le acque reflue prelevate da aerei internazionali per tracciare eventuali nuove varianti emergenti di Covid-19 man mano che le infezioni aumentano in Cina , poiché gli esperti sanitari con sede nel Regno Unito stimano che circa 9.000 persone al giorno stiano morendo a causa della malattia in Cina.

La proposta di testare le acque reflue da parte dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie fornirebbe una soluzione migliore per rintracciare il virus e rallentarne l’ingresso negli Stati Uniti rispetto alle nuove restrizioni di viaggio annunciate questa settimana, hanno affermato tre esperti di malattie infettive.

Gli Stati Uniti e una serie di altri paesi hanno affermato che i viaggiatori provenienti dalla Cina richiederanno test Covid negativi obbligatori.

I loro commenti sono arrivati ​​quando la società di dati sulla salute con sede nel Regno Unito Airfinity ha affermato che circa 9.000 persone in Cina morivano probabilmente ogni giorno a causa di Covid, quasi raddoppiando la sua stima rispetto a una settimana fa.

Le infezioni da Covid hanno iniziato a diffondersi in tutta la Cina a novembre, aumentando il ritmo questo mese dopo che Pechino ha smantellato le sue politiche zero-Covid, compresi i regolari test PCR sulla sua popolazione e la pubblicazione di dati sui casi asintomatici.

I decessi cumulativi in ​​Cina dal 1° dicembre hanno probabilmente raggiunto quota 100.000, con un totale di 18,6 milioni di contagi, ha affermato Airfinity giovedì in una dichiarazione. Ha utilizzato la modellazione basata sui dati delle province cinesi prima che venissero implementate le recenti modifiche ai casi di segnalazione, ha affermato.

Airfinity prevede che le infezioni da Covid in Cina raggiungano il loro primo picco il 13 gennaio con 3,7 milioni di casi al giorno.

Le loro cifre erano in contrasto con le diverse migliaia di casi segnalati dalle autorità sanitarie cinesi al giorno, dopo che una rete nazionale di siti di test PCR è stata in gran parte smantellata e le autorità sono passate dalla prevenzione delle infezioni al trattamento.

L’agenzia sanitaria dell’Unione europea ha dichiarato giovedì di ritenere che l’introduzione in tutta l’UE di screening Covid obbligatori per i viaggiatori provenienti dalla Cina sia attualmente “ingiustificata”, indicando la “maggiore immunità della popolazione nell’UE/SEE, nonché la precedente comparsa e successiva sostituzione delle varianti attualmente circolanti in Cina”.

Ma in una serie di tweet, il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità , Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha rinnovato il suo appello alla Cina affinché sia ​​più disponibile con dati dettagliati sulla situazione pandemica nel Paese.

“In assenza di informazioni complete dalla Cina, è comprensibile che i paesi di tutto il mondo stiano agendo in modi che ritengono possano proteggere le loro popolazioni”, ha scritto Tedros.

Airfinity prevede che i decessi raggiungeranno il picco il 23 gennaio con circa 25.000 al giorno, con decessi cumulativi che raggiungeranno i 584.000 da dicembre. Dal 7 dicembre, quando la Cina ha fatto la sua brusca inversione di marcia, le autorità hanno ufficialmente riportato solo 10 morti per Covid.

A livello internazionale, le restrizioni di viaggio come i test obbligatori finora non sono riuscite a frenare in modo significativo la diffusione di Covid e funzionano in gran parte come ottiche, ha affermato il dott. Michael Osterholm, esperto di malattie infettive presso l’Università del Minnesota.

“Sembrano essenziali dal punto di vista politico. Penso che ogni governo abbia la sensazione di essere accusato di non fare abbastanza per proteggere i propri cittadini se non lo farà”, ha affermato.

Questa settimana gli Stati Uniti hanno anche ampliato il loro programma di sequenziamento genomico volontario negli aeroporti, aggiungendo Seattle e Los Angeles al programma. Ciò porta a sette il numero totale di aeroporti che raccolgono informazioni dai test positivi.

Ma gli esperti hanno affermato che ciò potrebbe non fornire una dimensione del campione significativa.

Una soluzione migliore sarebbe testare le acque reflue delle compagnie aeree, che offrirebbe un quadro più chiaro di come il virus stia mutando, data la mancanza di trasparenza dei dati da parte della Cina, ha affermato il dott. Eric Topol, esperto di genomica e direttore dello Scripps Research Translational Institute di La Jolla, California.

Togliere le acque reflue dagli aerei dalla Cina “sarebbe un’ottima tattica”, ha detto Topol, aggiungendo che era importante che gli Stati Uniti aggiornassero le loro tattiche di sorveglianza “perché la Cina è così riluttante a condividere i suoi dati genomici”.

La Cina ha affermato che le critiche alle sue statistiche Covid sono infondate e ha minimizzato il rischio di nuove varianti, affermando che si aspetta che le mutazioni siano più contagiose ma meno gravi. Tuttavia, i dubbi sui dati ufficiali cinesi hanno spinto molti luoghi, tra cui Italia, Giappone e Stati Uniti, a imporre nuove regole sui test ai visitatori cinesi mentre Pechino revocava i controlli sui viaggi.

L’analisi delle acque reflue degli aerei è tra le diverse opzioni che i Centers for Disease Control and Prevention stanno prendendo in considerazione per aiutare a rallentare l’introduzione di nuove varianti negli Stati Uniti da altri paesi, ha affermato un portavoce dell’agenzia, Kristen Nordlund.

“La precedente sorveglianza delle acque reflue di Covid-19 ha dimostrato di essere uno strumento prezioso e la sorveglianza delle acque reflue degli aerei potrebbe potenzialmente essere un’opzione”, ha affermato in una e-mail.

Ricercatori francesi hanno riferito a luglio che i test sulle acque reflue degli aerei hanno mostrato che la necessità di test Covid negativi prima dei voli internazionali non protegge i paesi dalla diffusione di nuove varianti. Hanno trovato la variante Omicron nelle acque reflue di due aerei commerciali volati dall’Etiopia alla Francia nel dicembre 2021, anche se ai passeggeri era stato richiesto di sottoporsi a test Covid prima dell’imbarco.