CUCINA E NOBILTA’. Gli Spaghetti alla Jonny di Coburgo de Gnon 

Antonio Ventura Coburgo de Gnon

Adoro cucinare, passione che – credo – derivi un po’ da mio padre, che spesso si metteva ai fornelli con disappunto della cuoca. Ma questo poco importa. In questa nuova rubrica io posterò le mie ricette, ma, non con le dosi. Cucino ed invento a naso e senza pesare nulla. Non amo fare i dolci, forse perché tutto sommato preferisco il salato, con grande disappunto dei miei amici pasticcieri e gelatai di Genova. Questa sera un semplice piatto, al quale darò il nome di “Spaghetti alla Jonny” e non chiedetemi il perché di questo nome!

In una padella, mettete la giusta quantità di olio EVO, per poter imbiondire uno o due spicchi d’aglio, a seconda di quanto forte volete che se ne senta il profumo e il sapore. Immergetevi uno scalogno tagliato a julienne, e – quando si è ammorbidito lo scalogno e imbiondito l’aglio (che potrete togliere se non vi piace gustarlo) – aggiungete una quantità a piacere di pomodorini ciliegini, divisi a metà, e fateli saltare. A metà cottura dei pomodorini, aggiungete una manciata abbondante di olive nere, denocciolate e tagliata a pezzetti. Se non vi va di fare questa operazione, potete sempre acquistarle già denocciolate e tagliate a rondelle. Le trovate in molti supermercati. Nel frattempo avete lessato gli spaghetti in acqua salata; dopo averli scolati, metteteli nella padella dove sono attesi dal condimento che abbiamo preparato. Mantecate il tutto per insaporire gli spaghetti ed appena pronti potete impiattare. Un piatto semplice per quando si ha poco tempo per mettersi ai fornelli. Diciamo che il condimento si prepara nel tempo che occorre all’acqua di bollire, ed il tempo per la cottura degli spaghetti. Alla prossima!