DETTI E DISDETTI. Nella squadra del governo Meloni anche Guido Crosetto. I papabili

Giorgia Meloni lavora alacremente alla squadra di governo. Di notizie ne filtrano pochissime perché mai, come ora, si è lavorato nel doveroso silenzio che i tempi (e i compiti) richiedono. Con il (forte) beneficio del dubbio, proviamo a stilare i nomi dei possibili candidati. Giovanbattista Fazzolari sembra avviato alla Attuazione del programma, mentre all’Economia si continuano a fare i nomi di Fabio Panetta e Domenico Siniscalco. Al Viminale, dove il premier in pectore non vede Salvini, potrebbe approdare Tajani. Si farebbe strada l’ipotesi di due vicepremier: Salvini e Tajani. Alla Sottosegreteria alla Presidenza del Consiglio potrebbero arrivare Giovanbattista Fazzolari o il fondatore di Fratelli d’Italia Guido Crosetto. Per gli Esteri circola il nome di Elisabetta Belloni. Mentre per il Ministero della Salute è in corsa Guido Rasi, ex direttore dell’Ema. Alla Difesa potrebbe approdare Antonio Tajani se non gli venisse concessa la Farnesina o il Viminale. Ma si fa anche il nome di Adolfo Urso, attuale presidente del Copasir. Per il Ministero della Giustizia Matteo Salvini punta a Giulia Bongiorno, ma in corsa c’è anche Carlo Nordio, magistrato appena eletto con FdI. Il Ministero dello Sviluppo economico  potrebbe essere occupato da Matteo Salvini.