GUERRA. Russi trasferiscono le loro famiglie nelle case abbandonate dagli ucraini 

AgenPress. I russi stanno reinsediando le famiglie dei loro militari nei territori temporaneamente occupati, dove espropriano le proprietà immobiliari degli ucraini fuggiti dall’occupazione. Lo ha annunciato il viceministro della difesa ucraino Hanna Maliar.

“Ora possiamo dire che la Russia ha intensificato il movimento delle famiglie delle forze di occupazione russe verso gli insediamenti ucraini catturati dagli aggressori russi, inclusa la città di Kherson. I nuovi arrivati, o i cosiddetti “migranti russi”, si trasferiscono illegalmente in case e appartamenti vuoti di cittadini ucraini che sono fuggiti dalla zona per salvarsi la vita” – ha affermato Hanna Malia

Inoltre, gli invasori russi hanno intensificato i loro sforzi per costringere la popolazione nei territori conquistati a ottenere passaporti russi. Secondo il viceministro della Difesa, la coda elettronica per i passaporti russi è stilata per due settimane a partire dal 13 giugno. Si presume che queste misure siano volte ad aumentare artificialmente la quota di popolazione locale garantita a sostenere i piani del Cremlino per l’annessione di aree temporaneamente occupate in caso di referendum fittizi.