I GOLPISTI IN BRASILE. Lula: fascisti abominevoli

IMMAGINI RAI NEWS

AgenPress –  Il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva è stato al Palazzo Presidenziale Planalto e alla Corte Suprema di Brasilia dopo che i sostenitori del suo rivale Jair Bolsonaro hanno preso d’assalto gli edifici governativi. Lo riporta la Cnn. “I golpisti che hanno promosso la distruzione della proprietà pubblica a Brasilia sono stati identificati e saranno puniti”, ha scritto Lula su Facebook. “Domani si riprende a lavorare a Palazzo Planalto. Sempre Democrazia. Buonanotte”.

In precedenza, Lula ha descritto gli eventi nella capitale come “barbari” e ha affermato che “la mancanza di sicurezza” ha permesso ai sostenitori “fascisti” di Bolsonaro di superare le barriere istituite dalle forze armate al di fuori dei tre edifici del governo. “Queste persone sono tutto ciò che è abominevole in politica”, ha detto in una conferenza stampa.

Lula aveva detto in un discorso dallo stato di San Paolo che il suo predecessore di estrema destra aveva “incoraggiato” i “vandali fascisti” a invadere i luoghi del potere nella capitale.

Il presidente di sinistra ha deplorato eventi “senza precedenti nella storia del Brasile”. Il capo dello Stato ha posto la polizia locale sotto il comando delle forze federali per assumere la sicurezza a Brasilia, dove la polizia è stata totalmente sopraffatta dagli attacchi dei bolsonaristi. Il suo ministro della Giustizia e della Pubblica sicurezza, Flavio Dino, ha assicurato domenica in conferenza stampa che i luoghi del potere sono stati completamente evacuati e che oltre 200 persone sono state arrestate.

Lula ha anche affermato che c’era “incompetenza, malafede o malizia” da parte delle forze di sicurezza del Distretto Federale (DF) di Brasilia.

“C’è stata, direi, incompetenza, cattiva volontà o malafede da parte delle persone che si occupano di pubblica sicurezza nel DF. Non è la prima volta. Vedrete nelle immagini che [gli agenti di polizia] stanno guidando le persone nel cammino verso Praça dos Três Powers”, ha detto il presidente.

“Scopriremo chi sono i finanziatori di questi vandali che sono andati a Brasilia e pagheranno tutti con forza di legge”.