Il Cremlino gela il Papa: nessun accordo per incontro con Putin 

IL PORTAVOCE: «INIZIATIVE DEL GENERE DOVREBBERO PASSARE DAI SERVIZI DIPLOMATICI»

«Non sono stati raggiunti accordi su un incontro tra Papa Francesco ed il presidente russo Vladimir Putin»: il portavoce del Cremlino, Dmytry Peskov, spegne l’entusiasmo di Francesco e della Santa Sede: «Iniziative del genere dovrebbero passare dai servizi diplomatici” spiega Peskov. Che prova anche a rassicurare: Vladimir Putin non dichiarerà guerra all’Ucraina il 9 maggio né annuncerà alcuna mobilitazione nazionale, perché, sottolinea, «non c’è alcuna possibilità. Non ha senso». Il portavoce del Cremlino ha poi negato che le forze russe abbiano lanciato un assalto all’acciaieria Azovstal, a Mariupol. «L’ordine di annullare qualsiasi assalto è stato dato pubblicamente dal comandante in capo. Non c’è assalto: le forze di Mosca assediano il sito e intervengono solo per fermare molto rapidamente i tentativi dei combattenti ucraini di guadagnare postazioni di tiro».