IL LUNGO ADDIO ALLA SOVRANA. Nelle vene della dinastia imperiale scorre sangue Estense 

Antonio Ventura Coburgo de Gnon

In questi ultimi giorni non si parla d’altro che della scomparsa di una delle regine più famose del mondo. Una monarchia amata sia dal popolo britannico che dal resto del mondo. Non pariamo qui di Elisabetta come regina né della sua famiglia: sono già in troppi a farlo. Pochi sanno che la loro dinastia ha origini Italiane ed esattamente Estensi. La casata britannica che ora si chiama Windsor, era – non molto lontano nel tempo – una casata tedesca degli Hannover. Cambiarono cognome per avvicinarsi al sentimento del popolo britannico. Da qualche parte si legge che erano Saxe-Coburgo-Gotha, ma questo cognome era del principe consorte della regina a pieno titolo: Vittoria di Hannover. La dinastia rimane, però, quella del sovrano regnante, ovvero gli Hannover che discendono dagli Estensi. Nelle loro vene scorre il sangue della più antica dinastia italiana: gli Estensi, signori, e poi Duchi delle città di Ferrara, Modena e Reggio.

Welf IV d’Este, figlio di Azzo II, si trasferì in Germania, prima in Carinzia, poi in Baviera, dando origine ad una delle più famose famiglie della storia: I Guelfi.

Questa famiglia portò sul trono inglese nel 1714 Giorgio I d’Inghilterra.

La casata Hannover, detta anche Guelfa, era un ramo tedesco della casata D’Este italiana, che discendeva dalla gens romana “Actii”, e da Marco Actio, marito della sorella di Giulio Cesare, Giulia “maggiore”, discendente di Azio, un principe albanese, e siamo nel 65 a.C., considerato il capostipite della dinastia, figlio di Mettus, l’ultimo re Di Albalonga, città madre di Roma. Quindi attraverso una dinastia di re, il principe Azio rivendicava la dea Venere, come sua antenata.

I suoi discendenti divennero senatori romani ed uno di loro fu governatore romano della Britannia: Marco Azio, governatore romano dal 401 al 406.

I discendenti di Azio, furono conosciuti come Casa d’Este, in epoca medioevale.

Nell’XI secolo la casata d’Este, si divise in tre rami principali, discendenti da tre figli di Azzo II, marchese d’Italia e signore d’Este. Suo figlio Folco, fu il capostipite della casata d’Este italiana che fu duca di Ferrara, Modena e Reggio in Italia; il figlio Ugo, ereditò la provincia francese del Maine, fondando per conseguenza, il ramo francese della famiglia. Ma il figlio Guelfo, fu inviato in Germania dalla suocera, che gli donò tutti i beni del padre di sua moglie, era Welf di Baviera, diventando il capostipite del ramo tedesco, Welf-Este, o Guelfo, dando vita ai duchi di Baviera, diventando prima duca di Brunswick ed un ramo divenne “elettore” e poi re di Hannover.

Il ramo più anziano della casa d’Este, ovvero la casa di Welf, storicamente conosciuta come “Guelf” o “Guelph” in Inglese, produsse duchi di Baviera 1070-1139, e dal 1156-1180. In seguito duchi di Sassonia dal 1138 al 1139, e poi ancora dal 1142 al 1180, ed ancora un re tedesco, Ottone IV dal 1198 al 1218. Ed ancora i duchi di Brunswick e Lunemburg dal 1208 al 1918 chiamati in seguito “elettori di Hannover” quando i due rami della famiglia si ricombinarono nel 1705. 

Dopo la pace che pose fine alle guerre napoleoniche e che ridisegnarono l’Europa, dando luogo all’era moderna, l’Elettorato di Hannover, che comprendeva il ducato di Brunswick e Lunemberg, tenuto in unione personale dal re di gran Bretagna Giorgio III, fu sciolto con un trattato, le sue terre furono ampliate e da stato, fu promosso a regno. Il nuovo regno di Hannover esistette dal 1815 al 1866, ma con l’ascesa al trono della regina Vittoria, che non poteva ereditare il regno in base alla legge salica, nel 1837 passo a suo zio, cessando così di essere in unione personale con la Corona britannica.

Possiamo quindi affermare che la Casa d’Este, ha dato alla Gran Bretagna ed al Regno Unito, monarchi hannoveriani dal 1714 al 1901.

Tutti i monarchi britannici, da Giorgio I in poi, sono tutti discendenti dalla Casa d’Este. Il padre di Giorgio, Ernst August era un membro della Casa di Welf, che discendeva dalla casa D’Este.

Anche i “pretendenti” giacobiti, Giacomo Francesco Edoardo Stuart, Carlo Edoardo Stuart ed Enrico Benedetto Stuart, discendevano dalla casa D’Este. Questo era dovuto alla madre di Giacomo Francesco Edoardo, (il Bonnie Prince Charlie) una principessa modenese, Maria Beatrice d’Este, regina d’Inghilterra per tre anni dal 1685 al 1688 come moglie di Giacomo II Stuart.

Ora se permettete, mi concedo una piccola personale considerazione, nell’affermare che la Casa d’Este fu una grandissima dinastia infinitamente più gloriosa dei Savoia, per i quali non nutro una grande simpatia: forse perché, nelle mie vene scorre del sangue dei Coburgo?