IL ROSA DELLA VITA. Ilary: la nostra “mondanità” è fatta di serate sul divano a guardare film 

«SEMBRA NOIOSO, MA È COSI’ CHE CI PIACE»

di Maria R. Sforza

«Sono contenta che noi facciamo sognare con la favola di questo amore, è bello specie quando si trasmette un messaggio positivo. Solo che rischio di essere banale, che devo raccontare di speciale? Io vivo per quanto mi è possibile nella normalità, faccio tutto con addosso una lente di ingrandimento in cui tutto viene riportato, a volte vero, a volte falso, a volte condito. Io cerco sempre di rimanere coi piedi per terra, perché tutte le agevolazioni che abbiamo ti possono far cambiare, è questa la salvezza. Io sento ogni giorno la felicità, che posso chiedere di più? Ma non mi piace ostentarla, specie adesso che c’è la crisi». 

Ilary Blasi minimizza, ma la sua storia con Francesco Totti, nonostante il gossip continuo, fa sognare tanti italiani: sono un po’ la nostra coppia reale, i nostri William e Kate, cambia però lo scenario. I “sovrani” di Roma sono una coppia ammirata, invidiata, ma anche chiacchierata, con pettegolezzi che, più di una volta, avrebbero potuto mettere in crisi la loro storia d’amore. Nell’immaginario collettivo sono ormai una sola cosa: belli, ricchi e famosi, eppure marziani rispetto a molti loro colleghi. Poco mondani («Quando stiamo soli, cena leggera, i famosi 16 maccheroni, e ci affittiamo un film. Detto così sembra noioso, ma è la vita che ci piace»), ma onnipresenti sui media; super fortunati, ma anche generosi, popolari e simpatici. Ma come è nato tutto questo? Lui campione giallorosso, lei letterina di “Passaparola” di Gerry Scotti. Il calciatore e la showgirl non si sono affatto conosciuti come racconta Totti: «Vi dico io come è andata veramente, non come se la vende lui, che blatera di quando lo seguivo per locali. Non mi fidavo per niente. Me lo presentarono in un pub. Ma ero nervosa perché mi avevano rubato il cellulare. Dopo mezz’ora ci siano salutati. Mi irritava l’idea che potessi essere uno sfizio. Francesco mi piaceva, ma non volevo dargli soddisfazione. Lui è stato molto bravo, mi ha sempre cercata, ma con messaggini semplici, niente di compromettente. Comunque non ci sono mai uscita da sola prima del derby del 10 marzo 2002, quello finito 5-1». Queste le parole di Ilary e il derby cui fa riferimento la showgirl è quello in cui Totti mostra la famosa maglietta con la scritta “6 unica” davanti a 80 mila tifosi. Ilary al tempo è fidanzata, mentre Francesco è solo da un anno, da quando cioè si lascia con Maria Mazza, la ballerina napoletana con la quale ha avuto una storia durata diversi anni. Da allora diventano inseparabili, attirando l’attenzione di tutta la stampa rosa, stravolgendo ogni tipo di pronostico che vede il binomio showgirl-calciatore di breve durata. Il 19 giugno 2005 Ilary e Francesco si sposano con una cerimonia che si svolge nella Chiesa dell’Ara Coeli di Roma in un’atmosfera da matrimonio reale. Ovviamente ai piedi della lunga ed antica scalinata ci sono tantissimi tifosi della Roma e una marea di persone accorse per vedere, anche solo da lontano, la bella coppia nel giorno più importante della loro vita, inoltre la cerimonia è trasmessa in diretta TV: 12 telecamere di SKY TG24 seguono istante per istante gli sposi dell’anno. Il resto è storia dei nostri giorni… Condito dai paparazzi e da qualche maldicenza. 

E infatti non è sempre stato tutto rose e fiori, proprio nel 2005, e poco prima del matrimonio, Flavia Vento dichiara di avere avuto una storia con il Pupone alle spalle della compagna. Un fulmine a ciel sereno che spiazza Ilary e i fan della coppia. Ancora adesso, a distanza di tempo, la Blasi ricorda: «Ero incinta: potevo perdere il bambino per lo shock. A questo nessuno ha pensato? Era un’intervista, non un gossip. La sua parola contro quella di Francesco. Ma se non ci sono prove, il sospetto da che parte pende? È stato terribile, un incubo. Sono stata malissimo, mi sono rosa come una matta. La vita ti porta tante sorprese, a una cosa del genere però non ero preparata. Fortunatamente io e Francesco abbiamo gli stessi valori, la stessa filosofia di vita, gli stessi obiettivi e il nostro amore. Ecco perché non ho mai dubitato di lui. Gli ho sempre creduto».

Ma non è l’unico spiacevole episodio. Qualche estate fa Totti è stato fotografato con un’altra donna in un ristorante, ma anche qui Ilary non ha battuto ciglio, anzi ha chiesto un risarcimento danni, anche se non accordato. Ormai Ilary ci ride sopra, definendosi la più cornuta d’Italia: «Non è che mi adeguo ai paparazzi, sono loro che si adeguano a me. In dieci anni ne abbiamo passate di tutti i colori. Adesso è facile credere al nostro rapporto, ma all’inizio no, il calciatore e la letterina, a lui gli appiccicavano un’amante al mese». Probabilmente la forza della loro unione sta in quel desiderio di formare una grande famiglia che hanno spesso dichiarato: «Ilary, per me, è tuttora importante perché mi trasmette serenità – rivela Francesco –  è una persona tranquilla, gioiosa, mi ha aiutato nei momenti difficili che ho attraversato in alcuni anni. E’ una persona intelligente e una mamma perfetta, una persona davvero speciale, sempre solare, e poi mi ha dato i miei gioielli. Perciò è una persona indiscutibile»

«I MIEI FIGLI DEBBONO FARE UNA VITA NORMALE: REGALI SOLO A NATALE E COMPLEANNI»
Francesco e Ilary, insieme, hanno trovato realmente la chiave giusta grazie alla quale costruire un futuro davvero perfetto, mettendo al primo posto i sentimenti dell’uno verso l’altro e l’importanza della famiglia: «Io alla famiglia do valore – dice Ilary – l’ho voluta e me la sono costruita. Tra la mia famiglia d’origine e quella di adesso non si possono fare paragoni. La mia vita era fatta di scuole pubbliche, sport, amici normali, quelli che vedo tuttora. I miei figli hanno un tenore di vita diverso, abitano in una casa diversa, hanno frequentano e frequentano la scuola americana. Ma ci tengo che capiscano il valore di quello che hanno, voglio che si rendano conto di quanto sono fortunati. Un esempio? Regali solo a Natale e per i compleanni. Il rapporto evolve, nella mia piccola esperienza ho capito che solo avendo obiettivi comuni si resta uniti. Non è mica facile stare insieme, e se devi stare con una persona deve valerne la pena». Possiamo annoverare i coniugi Totti tra le coppie più amate del nostro Paese e, perché no, provare a rubare loro la ricetta per la felicità: «In genere in tutte le interviste chiedono: ma sei felice?  – ammette Ilary –  Tutti hanno paura di pronunciare questa parola. Io no, non ho paura e perché dovrei? Sì, oggi sono felice, domani chi lo sa».