LA GUERRA. La Russia annuncia esercitazioni navali con Pechino

Durante la notte si sono udite due potenti esplosioni nel centro di Kiev. Secondo quanto scrive il governatore Oleksiy Kuleba su Telegram le difese aeree stavano operando «a causa di un attacco russo operato con droni». L’attacco ha ferito 2 persone e danneggiato infrastrutture critiche e abitazioni della capitale ucraina. La difesa aerea ha abbattuto 30 droni sui 35 lanciati dalle forze russe dalla costa orientale del Mar D’Azov. Le attuali scorte di missili della Russia potrebbero consentire a Mosca di lanciare altri tre o quattro grandi attacchi contro l’Ucraina secondo quanto rende noto il Segretario del consiglio di Sicurezza e difesa nazionale ucraino, Oleksiy Danilov. 

«Se contiamo gli attacchi massicci che hanno già avuto luogo, potrebbero avere abbastanza missili per un massimo di altri due o tre, forse quattro. Ma poi rimarrebbero completamente senza missili».

Intanto il ministero della Difesa russo ha reso noto che nelle ultime 24 ore sono stati abbattuti quattro missili antiradiazioni HARM di fabbricazione statunitense sulla regione di Belgorod, al confine con l’Ucraina. Lo scrive il Guardian. Come riportato ieri, una persona è morta nell’attacco e almeno quattro sono rimaste ferite. Mosca ha anche annunciato esercitazioni con Pechino. «Le manovre si svolgeranno dal 21 al 27 dicembre nel Mar Cinese Orientale. L’obiettivo principale delle esercitazioni è rafforzare la cooperazione navale e mantenere la pace e la stabilità nella regione Asia-Pacifico» spiega il ministero della Difesa russo