Pelle e capelli: coccolarli subito per una vacanza perfetta

Molto spesso possono essere messi a dura prova da agenti esterni come salsedine, sabbia, cloro o eccessiva esposizione ai raggi solari

La fine della primavera segna le settimane più attese dell’anno. Si trascorrono ore liete all’aria aperta, soprattutto, però, si comincia a programmare per le vacanze che sono oramai alle porte. Prepararsi ad esse vuol dire anche prendersi cura del proprio corpo, in ogni sua parte. Pensiamo alla pelle e ai capelli. Medicinali omeopatici, fitoterapici e integratori specifici possono essere d’aiuto per proteggere adeguatamente pelle e capelli durante le ferie. Prima di partire per il luogo delle vostre vacanze, dunque, bisogna ricordare che prevenire resta la parola d’ordine per le settimane che precedono lo svago. Soprattutto se si è di un fototipo chiaro, è importante assumere alcuni prodotti che aiutino a preparare la pelle ai raggi solari, anche se la protezione solare andrà comunque applicata durante l’esposizione. 

MEDICINALI OMEOPATICI

Per chi ha la pelle molto chiara e sensibile e tende, dopo l’esposizione al sole, a soffrire di eritema, come strategia preventiva sono consigliati Apis 15 CH, 5 granuli da assumere fino a due volte alla settimana per almeno un mese prima della partenza. Per aiutare a proteggere la cute, anche quella del cuoio capelluto, può essere utile anche Sol 30 CH, secondo questa posologia: 5 granuli da assumere la sera prima di recarsi in spiaggia, 5 granuli la mattina prima dell’esposizione e 5 subito dopo, quando si rientra. Ricordo che i granuli sono da sciogliere in bocca, preferibilmente sotto la lingua.

INTEGRATORI ALIMENTARI

Per prepararsi alle vacanze sono molto utili, sia per la pelle che per i capelli, degli integratori a base per esempio di: L-tirosina, radice di carota, Rosa canina, Zinco, Aloe, Licopene, Melograno, Rame, Selenio e Betacarotene. Integratori di questo tipo risultano molto utili anche grazie alla loro azione antiossidante, aiutando così a contrastare l’invecchiamento cutaneo. 

ALIMENTAZIONE

Spazio a cibi ricchi di Betacarotene, “amico” della pelle visto che appartiene alla categoria dei carotenoidi, pigmenti vegetali che rappresentano i precursori della vitamina A (retinolo). Ne sono ricche verdure come le carote e i pomodori, ma anche la frutta, pesche e albicocche in primis. 

È BENE…

La buona abitudine in più: meglio preparare i capelli con delle maschere nutrienti, a base di olio di Jojoba e di Crusca, da applicare almeno una volta alla settimana. Sarebbe preferibile evitare di fare la tinta prima di partire, per evitare di sottoporre il capello a un ulteriore “stress”. 

DURANTE LA VACANZA 

Quando si sta sotto il sole è importante ricordarsi di dedicare alla pelle e ai capelli delle attenzioni speciali. Oltre ad applicare la crema solare più volte, soprattutto dopo aver fatto il bagno in mare o in piscina, bisogna evitare di esporsi durante le ore più calde del giorno e, se si ha la pelle particolarmente chiara e delicata, indossare delle magliette bianche. Attenzione anche ai capelli: i raggi solari intaccano la cheratina e indeboliscono il cuoio capelluto. Meglio proteggere la testa indossando un cappello (possibilmente leggero e di colore chiaro, di cotone o di paglia, per favorire la traspirazione) e applicare degli oli solari specifici per i capelli. Bisogna inoltre bere almeno 2 litri di acqua al giorno. E’ una buona abitudine tutto l’anno e soprattutto in vacanza, perché a causa del caldo e della sudorazione intensa, pelle e capelli rischiano di disidratarsi e indebolirsi…

DOPO LA SPIAGGIA 

Dopo la doccia con detergenti delicati, per esempio a base di semi di Pompelmo, estratti di Calendula e Hamamelis, è una buona abitudine applicare un doposole, magari a base di Aloe vera, burro di Karité ed olio essenziale di Limone. Medicinali omeopatici: In caso di scottatura, si può “correre ai ripari” assumendo dei medicinali omeopatici. Si può ricorrere alla Belladonna 9 CH quando la cute, anche del cuoio capelluto, emana calore, è rossa e dà una sensazione di dolore battente. Ne vanno presi 5 granuli, facendoli sciogliere sotto la lingua, appena si manifesta il disturbo, ripetendo l’assunzione anche ogni ora o mezz’ora e diradando successivamente in base al miglioramento.