Putin: le pressioni ostili dell’Occidente sono un’aggressione alla Russia 

«L’Occidente sta cercando di cancellare il nostro Paese, di rimuoverlo dalla mappa del mondo»: è il parere del primo ministro russo Mikhail Mishustin, che ragiona: «Vengono imposte sanzioni finanziarie, economiche, umanitarie, la discriminazione e le pressioni continuano nei campi della scienza, dello sport, della cultura, e sui nostri compatrioti all’estero, per la sola ragione che stiamo proteggendo i nostri interessi nazionali» Allo stesso modo la pensa il presidente russo Vladimir Putin che – secondo quanto riporta la Tass – definisce le pressioni esercitate da una serie di Paesi ostili come «quasi un’aggressione».