FIRMA QUI PETIZIONE PERCHE’ DRAGHI RESTI. Già raccolte oltre centomila adesioni

«Ciò che è successo in queste ore fa male al Paese. Il Movimento 5 Stelle si conferma per quello che è sempre stato: un danno per la credibilità delle istituzioni, un disastro per la vita dei cittadini italiani. Costringere Draghi a dimettersi è l’ultima infamia. Ed è una infamia che ci indebolisce anche in politica estera: su certi temi Draghi è uno statista, Conte uno stagista»: lo afferma, con durezza Matteo Renzi. 

«Ci sarebbero molte cose da dire. Su Conte, su chi lo ha osannato in questi mesi mentre insultavano noi, sulla pochezza politica di chi pensa a se stesso mentre il Paese deve affrontare inflazione, pandemia, crisi energetica, migrazioni, siccità. Nel bel mezzo di una guerra, si capisce. Ma non è tempo di parole. Ora bisogna agire. Siamo in mobilitazione permanente da qui a mercoledì – giorno del dibattito in Aula – per consentire che Draghi possa andare avanti. Faremo di tutto per avere un Draghi Bis libero dai condizionamenti che affronti le scelte necessarie al Paese. Chi vuole darci una mano può iniziare firmando questa petizioneDraghi resti a Palazzo Chigi” e facendola girare tra i propri amici e conoscenti». 

LA PETIZIONE HA GiA’ RACCOLTO OLTRE 100.000 FIRME IN MENO DI TRE GIORNI (DUE DEI QUALI FESTIVI)